Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
documenti - Documentazione - Confartigianato Ravenna

documenti - Documentazione

EMERGENZA CORONAVIRUS: raccolta delle principali MISURE IN VIGORE in Emilia Romagna (norme nazionali e regionali) - aggiornamento al 4 luglio 2020

 
-------
 
Il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020 (pdf, 101.99 KB) ha esteso a tutto il territorio nazionale le misure di contenimento che il  decreto dell'8 marzo 2020 (pdf, 133.72 KB) aveva introdotto per alcune aree del Paese, valide fino al 3 aprile. 
 
Con il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM 11 marzo 2020) sono definite le attività del commercio al dettaglio e dei servizi alla persona che possono rimanere attive.
 
Con il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 36 del 15 marzo (pdf, 413.51 KB) e successivo  decreto del Presidente della Giunta regionale n. 39 del 16 marzo (pdf, 160.01 KB) sono state definite misure straordinarie specifiche per il territorio del Comune di Medicina (Bo) e frazione di Ganzanigo, necessarie per arginare la diffusione del virus che in questa area registra una crescita anomala: dal 16 marzo e fino al 3 aprile, NON È POSSIBILE NE' USCIRE NE' ENTRARE dal capoluogo Medicina e dalla frazione di Ganzanigo.
 
Il Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18, cosiddetto 'CuraItalia' definisce Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.
 
Con il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 41 del 18 marzo (pdf, 195.22 KB) sono state introdotte ulteriori misure valide in tutto il territorio dell'Emilia-Romagna, fino al 3 aprile: chiusi parchi e giardini pubblici, limitazioni per passeggiate e uso della bici, limitazioni per gli spostamenti a piedi e chiusura di bar e tavole calde nei distributori di carburanti nei centri urbani.
 
Con il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 43 del 20 marzo (pdf, 343.33 KB) sono state adottate disposizioni urgenti in materia di gestione dei rifiuti fino alla cessazione dello stato di emergenza sanitaria.
 
Con il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 45 del 21 marzo (pdf, 172.83 KB) sono state adottate ulteriori misure valide in tutto il territorio regionale fino al 3 aprile.
 
L'ordinanza del Ministro della Salute del 22 marzo 2020 (pdf, 127.86 KB) ha introdotto il divieto di spostarsi dal Comune in cui ci si trova, se non per comprovate esigenze di salute, lavoro o assoluta urgenza, e l’impossibilità di rientrare al proprio domicilio, abitazione o residenza.
 
Il decreto del presidente della Giunta regionale n. 48 del 24 marzo 2020 (pdf, 149.13 KB) ha aggiornato le misure restrittive per i territori della provincia di Piacenza e di Rimini fino al 3 aprile. Sono online le domande più frequenti sulle misure per Piacenza e Rimini.
 
Il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 49 del 25 marzo (pdf, 166.62 KB)ha aggiornato le misure per il trasporto pubblico e prorogato al 3 aprile il contenuto del decreto n. 35 del 14 marzo.
 
Il decreto del Ministro dello sviluppo economico del 25 marzo 2020 (pdf, 186.44 KB) ha aggiornato l'elenco delle attività consentite e ha introdotto ulteriori prescrizioni.
 
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 aprile 2020 ha prorogato al 13 aprile tutte le restrizioni per l’emergenza coronavirus previste dai provvedimenti già in vigore.
 
Emilia Romagna: con l'Ordinanza del 3 aprile 2020 firmata dal Ministro della Salute Speranza in concerto con il Presidente della Regione Bonaccini, prorogate al 13 aprile tutte le misure ulteriormente restrittive.
 
Un nuovo Decreto della Regione Emilia Romagna del 4 aprile 2020 proroga in Emilia-Romagna tutte le misure aggiuntive fino al 13 aprile; parchi chiusi, no a jogging e passeggiate.
 
Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 (Liquidità) Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali.
 
Nella tarda serata del 10 aprile 2020 è stato emanato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) che fissa le nuove misure per il contenimento dal contagio sull'intero territorio nazionale in vigore dal 14 aprile 2020. 
 
Sabato 11 aprile 2020: nuova ordinanza del presidente della Regione Emilia Romagna (Decreto nr. 61 dell'11 aprile 2020): le misure più restrittive sono prorogate fino al 3 maggio.
 
Nella tarda serata del 22 aprile è stata firmata l'ordinanza nr. 66/2020 della Regione Emilia Romagna, che prevede allentamento di alcune prescrizioni per la coltivazione degli orti, per il taglio della legna, la vendita di prodotti florovivaistici e per le imbarcazioni di diporto all'ormeggio e la cantieristica.
 
Con il Decreto nr. 69 del Presidente della Regione, da lunedì 27 aprile ritorno alla vendita di cibo da asporto (take away) da parte degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e da parte di attività artigianali (ad esempio rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie, pizzerie al taglio), ma solo dietro ordinazione on-line o telefonica e quindi in maniera contingentata, per evitare assembramenti fuori e la presenza di non più di un cliente dentro il locale
 
Le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 26 aprile 2020 e allegati, si applicano dalla data del 4 maggio 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consilgio dei ministri 10 aprile 2020 e sono efficaci fino al 17 maggio 2020, ad eccezione di quanto previsto dall'articolo 2, commi 7, 9 e 11, che si applicano dal 27 aprile 2020 cumulativamente alle disposizioni del predetto decreto 10 aprile 2020.
 
Dal 28 aprile, in tutta l’Emilia-Romagna, da Piacenza a Rimini, è consentita l’erogazione di alcune prestazioni programmabili e non urgenti da parte delle strutture del sistema sanitario pubblico e privato, che erano state sospese a causa dell’epidemia. Si riparte dunque progressivamente con l’attività ordinaria, nel massimo rispetto della sicurezza di pazienti e operatori (Ordinanza del Presidente della Regione Emilia Romagna nr. 70 del 27 aprile - allegato qui sotto).
 
Dal 29 aprile, in Emilia-Romagna sarà possibile spostarsi per fare manutenzione alle imbarcazioni e ai velivoli di proprietà. Inoltre, nel settore edilizio sono consentite alle imprese le attività propedeutiche alla riapertura dei cantieri negli stabilimenti balneari, sia su demanio pubblico che su proprietà private, nelle strutture ricettive, negli impianti termali, nei parchi tematici e all’interno dei pubblici esercizi e degli esercizi commerciali (Decreto nr. 73 della Regione Emilia Romagna). 
 
Mascherine obbligatorie in Emilia-Romagna nei locali aperti al pubblico e nei luoghi all’aperto, laddove non sia possibile mantenere il distanziamento di un metro. Possibilità di raggiungere le seconde case per le attività di manutenzione. L'ordinanza regionale del 30 aprile 2020 (Decreto nr. 74 della Regione Emilia Romagna)
 
Dal 6 maggio, in base ad un Decreto del MISE che modifica gli Allegati del DPCM 26/4/2020 alcune potranno riaprire altre attività commerciali e produttive quali: il commercio al dettaglio di natanti e biciclette; il noleggio di autocarri, veicoli pesanti, macchinari e attrezzature; nonché le attività di conservazione e restauro di opere d’arte e i servizi di tolettatura degli animali da compagnia (file allegato: DM-modifica-elenchi-DPCM-26-04-2020).
 
Ordinanza della Regione Emilia Romagna (Decreto nr. 75 del 6 maggio 2020): spostamenti in ambito regionale, anche insieme a persone conviventi. Per raggiungere seconde case, camper e roulotte, imbarcazioni e velivoli di proprietà con rientro in giornata. 
 
Decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.
 
DPCM 17 maggio 2020: disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 (LINK al sito della Gazzetta Ufficiale)

Ordinanza (Decreto nr. 82 del 17 maggio 2020) del presidente della Regione Emilia Romagna emanata nel tardo pomeriggio di domenica 17 maggio ed in vigore da lunedì 18 maggio 2020.
 
L'Ordinanza del presidente della Regione del 21 maggio (Decreto nr. 84 del 21 maggio 2020) ufficializza i protocolli di sicurezza per palestre e piscine, e formalizza anche la riapertura anticipata degli stabilimenti balneari da sabato 23 maggio.
 
Sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna n. 165 è stata pubblicata l’Ordinanza balneare straordinaria n. 1/2020. In questa prima fase per gli stabilimenti balneari come modalità di affissione è sufficiente mettere a disposizione la stampa del burt,  su una bacheca o da sfogliare rigorosamente con i guanti.
 
Decreto del Presidente della Regione Emilia Romagna nr. 98 del 6 giugno 2020
 
Il Presidente del Consiglio ha firmato il nuovo DPCM 11 giugno 2020 che autorizza la ripresa di ulteriori attività. Questo nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, in vigore da lunedì 15 giugno, abroga quello datato 17 maggio 2020. Nei due files in formato PDF il testo del Decreto e tutti gli allegati
 
Decreto del Presidente della Regione Emilia Romagna nr. 109 del 12 giugno 2020
 
Il Decreto del presidente della Giunta Regionale n. 137 del 3 luglio 2020 ha aggiornato dal 4 luglio le disposizioni in merito agli spostamenti in auto, vacanze di gruppo per ragazzi tra i 3 e i 17 anni, giochi di carte e quotidiani nei bar, uso delle saune. Ha adottato infine le linee guida per gli eventi fieristici a partire dal 15 luglio.
 
------

Documenti

Benvenuto nella sezione documenti.

Puoi navigare tra le categorie di documenti cliccando sulle categorie identificate da un'icona con una cartella.

Per entrare nel dettaglio di un documento, clicca su un documento tra quelli elencati sotto l'elenco delle categorie.