Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
CORONAVIRUS: CONFARTIGIANATO E ANCOS DONANO 20 RESPIRATORI AGLI OSPEDALI ITALIANI - news - Confartigianato Ravenna

18.03.20: CORONAVIRUS: CONFARTIGIANATO E ANCOS DONANO 20 RESPIRATORI AGLI OSPEDALI ITALIANI - news

Confartigianato e ANCoS, l’Associazione del Sistema Confartigianato che si occupa di progetti solidali, mettono a disposizione delle strutture ospedaliere italiane impegnate in prima linea nell’assistenza ai pazienti colpiti da coronavirus, 20 Ventilatori Polmonari Pressometrici. I primi sei respiratori saranno consegnati entro il fine settimana in Lombardia: tre verranno donati all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e altri tre all’Ospedale Luigi Sacco di Milano.
Nei giorni a seguire le apparecchiature saranno consegnate agli altri ospedali maggiormente congestionati e in difficoltà per la carenza della strumentazione indispensabile alla cura dei pazienti.
 
Con questa iniziativa gli artigiani di Confartigianato fanno un gesto concreto di aiuto alle situazioni più drammatiche con la caratteristica che li contraddistingue: fatti e non parole. 
 
Un contributo concreto alla battaglia che tutto il Paese sta combattendo contro il virus, a cominciare dalle strutture sanitarie che sono in prima linea a fronteggiare l’emergenza. Siamo convinti che facendo tutti la nostra parte, uniti, responsabili e solidali al fianco delle persone e degli imprenditori, potremo superare l’emergenza sanitaria e costruire anche le condizioni della ripresa economica.
 
In questo drammatico momento ANCoS Confartigianato ha quindi prima di tutto sentito il dovere di aiutare il personale medico e infermieristico che senza sosta sta lavorando per garantire assistenza ai malati. 
Mai come ora èforte il richiamo alla solidarietà, per la quale tutta la nostra Confederazione, a qualsiasi livello, si adopera da sempre: ogni gesto che serva a salvare vite umane, nei limiti delle nostre possibilità, noi lo faremo, così come saremo in prima linea per quella che sarà la prossima battaglia, quella della indispensabile ripartenza del tessuto economico e produttivo del paese.