Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
PROROGA CONTRIBUTI ARTIGIANI E COMMERCIANTI, SCADENZA RINVIATA AL 20 AGOSTO 2021 - news - Affari Generali - Confartigianato Ravenna

14.05.21: PROROGA CONTRIBUTI ARTIGIANI E COMMERCIANTI, SCADENZA RINVIATA AL 20 AGOSTO 2021 - news - Affari Generali

Proroga contributi artigiani e commercianti, rinvio della scadenza dal 17 maggio al 20 agosto 2021. L'INPS conferma le anticipazioni del Ministro Orlando a La7, nel messaggio numero 1911 del 13 maggio 2021. L'iter di attuazione dell'esonero contributivo previsto dalla Legge di Bilancio 2021 è ancora in fase di definizione.
L’originaria scadenza prevista per il 17 maggio 2021 slitta quindi di poco più di tre mesi.
 
La proroga è la diretta conseguenza anche dell’esonero dei contributi INPS per artigiani e commercianti, il cui testo del decreto attuativo del del Ministero del Lavoro e del MEF è stato firmato lo scorso 7 maggio 2021 ed è in fase di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
 
L’anticipazione dell’INPS è motivata dal fatto che iter di attuazione dell’esonero previsto dalla Legge di Bilancio 2021 è ancora in fase di definizione e prevede l’adozione di uno o più decreti da parte del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, da emanare di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze.
 
Tali provvedimenti definiranno i criteri e le modalità di concessione.
 
I requisiti per accedere a tale esonero sono i seguenti:
• aver percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo lordo imponibile ai fini IRPEF non superiore a 50.000 euro;
• aver subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33 per cento rispetto a quelli dell’anno 2019.
 
L’attuazione della norma è prevista attraverso uno o più decreti da parte del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze.
 
A questo punto i contribuenti possono aspettare la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del Ministero del Lavoro e del MEF, firmato il 7 maggio 2021.
 
Il testo fisserebbe, infatti, la scadenza per la presentazione della domanda all’anno bianco contributivo al 31 luglio 2021.
 
Oltre ai requisiti già indicati, per accedere all’anno bianco contributivo, i soggetti non devono essere titolari di rapporto di lavoro subordinato o pensione.
Rimane un’eccezione l’assegno di invalidità.
 
 
Proroga contributi artigiani e commercianti: come ottenere un rimborso delle somme già versate
Molto probabilmente molti titolari di partita IVA avranno già provveduto al versamento dei contributi INPS dovuti, che ammontano a circa 900 euro.
Nel caso in cui i contribuenti avessero già pagato, gli stessi potranno chiedere il rimborso entro il 30 novembre 2021.