Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
AUTOTRASPORTO MERCI: INVESTIMENTI 2021/22, 100 MILIONI DI EURO DI INCENTIVI PER IL RINNOVO DEI MEZZI PESANTI. I DECRETI MINISTERIALI - news - Confartigianato Ravenna

24.11.21: AUTOTRASPORTO MERCI: INVESTIMENTI 2021/22, 100 MILIONI DI EURO DI INCENTIVI PER IL RINNOVO DEI MEZZI PESANTI. I DECRETI MINISTERIALI - news

Confartigianato Trasporti comunica che finalmente sono stati firmati dal Ministro Enrico Giovannini i decreti per finanziare il rinnovo del parco veicolare merci e l’acquisto di veicoli ecologici.

L’obiettivo dei due decreti, che prevedono complessivamente 100 milioni di euro per agevolare l’acquisto di mezzi più tecnologici e green, è quello di incentivare l’acquisto da parte delle imprese di autotrasporto di mezzi ecologici e tecnologicamente avanzati così da rinnovare il parco veicoli riducendo l’inquinamento e aumentando la sicurezza sulle strade.
Il decreto per gli “Investimenti ad alta sostenibilità” mette a disposizione delle imprese di autotrasporto 50 milioni di euro per gli anni dal 2021 al 2026 esclusivamente per l’acquisto di veicoli ad alimentazione alternativa, ecologici di ultima generazione, in particolare ibridi (diesel/elettrico), elettrici e a carburanti di ultima generazione (CNG, LNG).

Gli incentivi dipendono dalla tipologia e dalla massa complessiva del veicolo e vanno da un minimo di 4.000 euro per quelli ibridi di massa complessiva da 3,5 a 7 tonnellate fino a 24.000 euro per quelli elettrici oltre le 16 tonnellate. A questi importi si aggiunge un contributo di 1.000 euro in caso di contestuale rottamazione di un veicolo diesel.

L’altro decreto, per gli “Investimenti finalizzati al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicoli”, mette a disposizione ulteriori 50 milioni di euro per il biennio 2021-2022 per incentivare la sostituzione dei mezzi da parte delle imprese di autotrasporto, rottamando quelli più inquinanti e meno sicuri. Questo decreto riserva una quota di 35 milioni di euro per l’acquisto di mezzi diesel Euro 6 solo a fronte di una contestuale rottamazione di automezzi commerciali vecchi e inquinanti. Gli incentivi vanno da un minimo di 7.000 a un massimo di 15.000 euro. Per l’acquisto di veicoli commerciali leggeri Euro 6-D Final ed Euro 6 il contributo è invece pari a 3.000 euro.

Una quota di 5 milioni di euro è riservata all’acquisto di automezzi a trazione alternativa (ibridi, elettrici, CNG e LNG) con incentivi che, anche in questo caso, vanno da un minimo di 4.000 a un massimo di 24.000 euro, a cui si aggiungono 1.000 euro in caso di rottamazione contestuale di un mezzo obsoleto. Ulteriori 10 milioni di euro sono stati stanziati per l’acquisto di rimorchi e semirimorchi adibiti al trasporto combinato ferroviario e marittimo e dotati di dispositivi innovativi volti a conseguire maggiore sicurezza e risparmio energetico.

Per la fruizione degli incentivi bisognerà attendere la pubblicazione dei decreti in Gazzetta Ufficiale e successivamente il MIMS emanerà i decreti direttoriali attuative con le modalità e le tempistiche per poter effettuare le domande.

Le imprese aderenti possono richiedere in Associazione, copia dei due Decreti non ancora pubblicati in G.U.

Gli interessati possono già contattare gli uffici di Confartigianato della provincia di Ravenna per le manifestazioni d’interesse.