Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
REVISIONE AUTOVEICOLI: DOPO 14 ANNI VERRA' ADEGUATA LA TARIFFA - news - Confartigianato Ravenna

12.01.21: REVISIONE AUTOVEICOLI: DOPO 14 ANNI VERRA' ADEGUATA LA TARIFFA - news

Nell’ambito della Legge di Bilancio 2021, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre scorso, è stato definitivamente approvato l’aumento della tariffa revisioni per i veicoli a motore e loro rimorchi di cui all’articolo 80 del Codice della Strada.
 
La norma stabilisce l’aumento di 9,95 euro della tariffa relativa alla revisione. Tale aumento dovrà essere applicato con un decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio.
 
A titolo di misura compensativa dell’aumento, viene previsto un nuovo bonus denominato “buono veicoli sicuri” ai proprietari di veicoli a motore che sottopongono il proprio veicolo alle operazioni di revisione di cui all’articolo 80 del Codice della Strada. Per quanto riguarda le modalità di attuazione di questo bonus, la norma, anche in questo caso, rinvia ad un Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, da emanare sempre entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio.
 
La nuova tariffa prevista dalla Legge di Bilancio rappresenta un buon risultato per ANARA, l'Associazione di categoria di Confartigianato che rappresenta i centri di revisione.
 
L’ultimo ritocco al costo della revisione auto risaliva infatti al 2007, ben 14 anni fa, e nel frattempo i centri di revisione sono stati chiamati ad investimenti onerosi per adeguarsi a quanto previsto dal Ministero con il protocollo MCTC-NET.
L'adeguamento era ormai improcrastinabile per garantire la sostenibilità economica dei centri di controllo ed il mantenimento qualitativo dello standard del servizio revisioni, a tutela degli utenti e della sicurezza stradale, condizioni imprescindibili per il futuro e la competitività delle imprese del settore.