Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
BANDO GAL L’ALTRA ROMAGNA PER AVVIAMENTO DI NUOVE IMPRESE - news - News - Confartigianato Ravenna

27.05.20: BANDO GAL L’ALTRA ROMAGNA PER AVVIAMENTO DI NUOVE IMPRESE - news - News

Con il bando ‘Aiuto all’avviamento di imprese extra-agricole in zone rurali’, rivolto a persone fisiche, il G.A.L L’ALTRA ROMAGNA intende incentivare quei progetti che prevedono la costituzione di microimprese extra agricole nei comuni di Casola Valsenio, Brisighella, Riolo Terme, Modigliana, Faenza (in parte), Castel bolognese (in parte), ed altri comuni dell’appennino romagnolo. Il contributo di sostegno è concesso, in regime de minimis, nella percentuale del 60% sull’ammontare complessivo della spesa ritenuta ammissibile:
 
Tra le spese ammissibili figurano: 
a) costruzione/ristrutturazione immobili produttivi, eccetto la manutenzione ordinaria; 
b) arredi funzionali all’attività; 
c) strumenti, apparecchiature, macchinari, attrezzature funzionali al processo di sviluppo aziendale
d) impianti, attrezzature per la lavorazione/trasformazione/conservazione dei prodotti e/o servizi offerti o somministrati. I prodotti aziendali non devono essere, in entrata ed uscita, produzioni di cui all’allegato 1 del Trattato che istituisce la Comunità Europea (Art.32); 
e) investimenti funzionali alla vendita delle produzioni/servizi aziendali; 
f) veicoli con relativi loro allestimenti purchè strettamente funzionali alle attività extra-agricole oggetto del Piano di investimento o solo il loro allestimento; 
g) costi di informazione e comunicazione (quali pubblicazioni, comunicazioni, acquisti di spazi pubblicitari e publi-redazionali su riviste e carta stampata, acquisto spazi e servizi a carattere radiotelevisivo); 
h) realizzazione siti web entro il limite massimo del 10% della spesa; 
i) acquisizione di hardware e software con sistema operativo compatibile nel limite del 20% dell’importo della spesa purché funzionali e riconducibili alle attività avviata (acquisto combinato; si intende combinato l’acquisto contestuale di hardware e software); 
l) investimenti immateriali quali: acquisizione/sviluppo programmi informatici specialistici e/o acquisizione di brevetti/licenze, entro il limite massimo del 10% della spesa; 
m) spese generali massimo 10%, tra cui le spese sostenute propedeutiche alla predisposizione del PSA, quali onorari di professionisti e consulenti; 
n) in caso di costituzione di modello societario, spese sostenute dal beneficiario/persona fisica nei 24 mesi antecedenti la presentazione della domanda di sostegno e fino alla costituzione della società relative a: consulenze, progettazione, spese notarili o altre spese connesse alla progettazione dell’intervento proposto ed alla presentazione della domanda.
 
Per risultare ammissibile il progetto dovrà essere di un importo superiore ad Euro 15.000,00 fino ad un importo massimo di Euro 50.000,00.
 
La data della richiesta della partita IVA dovrà essere successiva alla data di presentazione della domanda di contributo, e NON DOVRÀ ESSERE SUCCESSIVA DI OLTRE 60 GIORNI RISPETTO ALLA DATA DI COMUNICAZIONE DELL’ATTO DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO, nel caso di impresa individuale, e di 120 GIORNI in caso di costituzione societaria.
 
Le domande di sostegno a valere sul presente bando, possono essere presentate al GAL L’Altra Romagna fino alle ore 17.00 del 9 NOVEMBRE 2020 , e devono  essere presentate utilizzando il Sistema Informativo Agrea (SIAG), seguendo le modalità riportate nel BANDO. I progetti verranno valutati in base a criteri e punteggi contenuti nel BANDO.
 
Per informazioni ed approfondimenti è possibile contattare, presso la Sede Confartigianato di Faenza: Alberto Zauli - tel. 0546/629704 - e-mail: alberto.zauli@confartigianato.ra.it